FAQ

 

QUALI DOCUMENTI SONO NECESSARI PER LA REALIZZAZIONE DELL’APE?


I documenti da presentare al tecnico abilitato incaricato di effettuare il sopralluogo sono:

  • planimetria dell’immobile;
  • visura catastale;
  • copia del libretto di impianto della caldaia;

 

 

SE DISPONGO DI UN ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA E’ NECESSARIO SOSTIUIRLO CON IL NUOVO ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA?


La nuova normativa stabilisce che l’obbligo di dotare l’edificio di un Ape non sia doveroso laddove sia già disponibile un Attestato di Certificazione Energetica in corso di validità rilasciato, entro il 5 Giugno 2013, conformemente alla direttiva 2002/91/CE.

 


CI SONO DELLE ABITAZIONI ESENTI DALL’APE?


  • box, cantine, autorimesse, parcheggi multipiano, depositi, strutture stagionali a protezione degli impianti sportivi, ecc. se non limitatamente alle porzioni eventualmente adibite ad uffici ed assimilabili, purché scorporabili agli effetti dell'isolamento termico;
  • immobili ricadenti nell'ambito della disciplina della parte seconda e dell'art. 136, comma 1, lett. b) e c) del D. Lgs. 42/2004, nei casi in cui il rispetto delle prescrizioni implicherebbe un' alterazione inaccettabile del loro carattere o aspetto con particolare riferimento ai caratteri storici o artistici;
  • fabbricati industriali, artigianali e agricoli non residenziali quando gli ambienti sono riscaldati per esigenze del processo produttivo o utilizzando reflui energetici del processo produttivo non altrimenti utilizzabili;
  • fabbricati isolati con una superficie utile totale <50 m2;
  • impianti installati ai fini del processo produttivo realizzato nell'edificio, anche se utilizzati, in parte non preponderante, per gli usi tipici del settore civile;
  • i ruderi, previa esplicita dichiarazione di tale stato dell'edificio nell'atto notarile di trasferimento di proprietà;
  • immobili venduti nello stato di "scheletro strutturale", cioè' privi di tutte le pareti verticali esterne o di elementi dell'involucro edilizio, o "al rustico", cioè privi delle rifiniture e degli impianti tecnologici, previa esplicita dichiarazione di tale stato dell'edificio nell'atto notarile di trasferimento di proprietà '.

 

 

CONOSCERE LE CLASSI ENERGETICHE


L’Attestato di Prestazione Energetica stabilisce oggettivamente il livello di consumo dell’immobile e lo associa ad una classe di riferimento, espressa in lettere, secondo una scala graduale che va dalla lettera G (consumi maggiori) sino al vertice, lettera A+ (consumi minori). Accanto alla classe energetica di appartenenza dell’immobile troviamo una sigla IPE (indice di prestazione energetica)  che esprime il consumo totale di energia dall'edificio per metro quadro ogni anno (kWh/mq anno).
Conoscere quanta energia è necessaria per raggiungere le condizioni di confort di un edificio rappresenta dunque un elemento di estrema importanza nella valutazione di un acquisto o affitto di un abitazione, fornendoci in anticipo una stima dei costi da sostenere per le bollette energetiche.
L’indicazioni espresse nel API, diventano inoltre preziose nel momento in cui decidiamo di migliorare le prestazioni energetiche delle nostre abitazioni attraverso interventi di riqualificazione energetica.

 

 

COS’E’ LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA?


Con questo termine si intendono un insieme di interventi volti ad ottimizzare le prestazioni energetiche degli edifici con l’obiettivo di una riduzione dei costi per l‘energia. Dopo una prima fase di diagnosi energetica dell’edificio si vanno a valutare le possibili forme di intervento da attuare, ad esempio isolamento termico o adozione del solare termico, con lo scopo di raggiungere un buon rapporto qualità ed efficacia intervento/investimento.
Il decreto legge n.63 del 4 Giugno 2013 presenta, tra l’altro, un ampio pacchetto di agevolazioni  in merito  agli interventi di riqualificazione energetica degli edifici:

  • le detrazioni fiscali previste passano dal 55% al 65%;
  • proroga scadenza  agevolazioni fiscali, in scadenza il 30 giugno 2013, fino al 31 dicembre 2013;

L’obbligo di dotazione dell’Attestato di Prestazione Energetica degli edifici  non si applica a:

 

 

E’ ANCORA POSSIBILE FARE UN’AUTOCERTIFICAZIONE DELLE EBITAZIONI IN CLASSE G?

Con il Decreto Ministeriale del 22 Novembre 2012 si stabilisce l’abolizione della possibilità di autocertificare l’appartenenza di un immobile alla classe energetica G.